Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
12 ottobre 2012 5 12 /10 /ottobre /2012 15:48

Testimone del tempo collettivo, sociale e politico, pittore con l'urgenza prorompente di esprimere il proprio racconto di immagini, Renato Guttuso si consacra immenso maestro del secolo scorso nell'antologica allestita al Vittoriano per omaggiare i 100 anni della nascita. In esposizione un centinaio di opere, provenienti dalle maggiori collezioni pubbliche e private internazionali, dipinti, disegni, tele monumentali, tra cui 'La Vucciria', 'Il funerale di Togliatti', 'La spiaggia', 'La crocifissione'.

guttuso.jpg

Tra i protagonisti indiscussi dell’arte italiana del Novecento, Guttuso è stato un originale interprete del suo tempo, mettendo insieme arte, impegno civile, tensione etica, con mirabile coerenza stilistica. La mostra, curata dal figlio adottivo Fabio Carapezza Guttuso ed Enrico Crispolti (con il coordinamento di Alessandro Nicosia), documenta – attraverso cento opere (catalogo Skira) - le tappe di una carriera brillante, con alle spalle un apprendistato artistico precoce, iniziato nella bottega di un decoratore di carretti siciliani. 

A Roma, dove il Maestro siciliano si era stabilito definitivamente dal 1931, fino alla scomparsa, avvenuta il 18 gennaio del 1987, si presentarono le occasioni sperate. La collaborazione con personaggi come Moravia, Pasolini, Montale, Neruda, Visconti, ai quali era unito anche da un rapporto di stima reciproca e di amicizia, e ancora la militanza al Partito Comunista Italiano, la partecipazione alla Resistenza, avviarono una stagione feconda, influenzando con evidenti richiami politici la produzione di quegli anni, non risparmiandogli però polemiche clamorose. L’entusiasmo per la “lezione picassiana” gli valse negli anni Trenta la censura fascista.

guttuso2.jpg

Guttuso ci ha lasciato un affresco corale della storia del Paese: ha quasi monitorato i cambiamenti sociali, rappresentando le persone comuni con le loro passioni, le lotte pubbliche e private, operai, contadini, braccianti, specie nelle tele del dopoguerra, per poi passare ai ritratti della Roma salottiera - siamo negli anni Sessanta -, fino alle grandi composizioni degli anni Settanta, in cui la quotidianità raggiunge una dimensione epica. «Il volto è tutto, sulla faccia della gente c'è la storia che stiamo vivendo, l'affanno dei giorni. La portiamo incisa più dei fatti che ci accadono in presa diretta o che avvengono lontano: noi siamo la vera pellicola della realtà; e io la dipingo», così scriveva l’artista nel 1971.

fonte: http://www.infooggi.it/articolo/guttuso-al-vittoriano/32247/

Condividi post

Repost 0
Published by mediavertigo - in Storia e Filosofia
scrivi un commento

commenti

monica c. 10/12/2012 18:57

bella mostra, mi puacerebbe vederla

Other Articles

boulevardbroken.jpg

Una grande band di punk/pop americano: Green Day --->>> link

 

henry 200

Henry: l'elegante gazzella dell'Arsenal --->>> link

 

baudelaire.jpg

Il poeta maledetto Baudelaire --->>> link

 

medicina1.jpg

Pensiamo alla...Salute: i Forum --->>> link

 

films.jpg

Recensioni di molte pellicole cinematografiche --->>> link

 

construction.jpg

Fai un 'Project Work' per un Master o un Corso --->>> link

 

tecnologia-amica.jpg

Presentazione di prodotti tecnologici --->>> link

 

pino_scotto_rocktv.JPG

Tutti i video del guru rocker Pino Scotto --->>> link

 

musica.jpg

Articoli su artisti e gruppi musicali --->>> link

 

belabela.jpg

Le bellezze dello spettacolo: Belen, Folliero e altre --->>> Belen e altre bellezze della tv.

Calendari sexy --->>> I mitici calendari di MAX.

Cerca Nel Blog

MEDIAvertigo...altrove

vertigosublogger.jpg

http://mediayankees.blogspot.com - link

Film-TeleFilm-Partite - link

Archivi

ZANOX 1

Hotel Holidays a 129 Euro invece di 300. Risparmi il 57% (468962)

Sprintrade Network