Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 agosto 2011 2 02 /08 /agosto /2011 12:10

La forma particolare di disagio esistenziale di cui era affetto Baudelaire è lo "spleen", che si trasforma però in creatività poetica, la quale oggettivizza stati d'animo e sensazioni in innumerevoli immagini visionarie, frutto dell'inconscio dello stesso poeta.

Baudelaire nasce a Parigi nel 1821, il padre muore quando lui ha solo sei anni. Godette, per un breve periodo, delle tenerezze della madre, ma quando la signora si risposò, Charles si sentì tradito. Si dedicò poi da ragazzo alla vita elegante e dispendiosa del dandy (uomo di gusti eccentrici e raffinati che detesta la mediocrità della vita comune e tenta di vivere seguendo il culto dell’apparenza) vivendo in un lussuoso appartamento con l’attrice Jeanne Duval alla quale rimase legato per sempre. Soffocato dai debiti, poi, si rifugiò nella triste vita metropolitana, tentando di evadere dai suoi problemi attraverso alcol e droghe. Avvertiva però il bisogno di riscattarsi, di vivere una vita ordinata e normale. Colpito da paralisi, morirà nel 1867.

Artista doppio e cosciente della propria “doppiezza”, Baudelaire ha parlato solo di sé stesso nelle sue opere, ma ha voluto anche padroneggiare il mondo dell'arte che, con le sue critiche acute, è riuscito a cogliere come pochi altri.

Una particolare sfaccettatura dell'inettitudine è definita dal poeta come "spleen", che include debolezza psicologica e mancato adeguamento al reale, ma che, a differenza della noia di cui parlava Leopardi, non ha come effetto diretto argomentazione e pensiero, ma dà il suo contributo a livello artistico attraverso effetti allucinatori, opprimenti e devastanti dell'angoscia esistenziale. Lo spleen, quindi, è un particolare disagio le cui ragioni non si trovano in specifici episodi, ma si spiegano nella sensibilità del poeta, nel suo inadeguamento al mondo. Tendente a solitudine e collera, Charles si auto-distrugge anche con vino e hashish, che lo allontanano ulteriormente dal detestato conformismo borghese.

Per Baudelaire, il poeta è come l'albatro. L’albatro domina gli spazi ampi con il suo volo: è regale con le sue ali grandi nel cielo, ma se viene catturato dai marinai si muove goffamente sul ponte della nave e viene fatto oggetto di scherzi. E sono proprio le grandi ali che lo impacciano quando è a terra e tenta di muoversi.

1 Charles Pierre Baudelaire. 3:4 portrait crop, clonestamped dust and

Condividi post

Repost 0
Published by Flemmy Yankees - in Letteratura
scrivi un commento

commenti

Other Articles

boulevardbroken.jpg

Una grande band di punk/pop americano: Green Day --->>> link

 

henry 200

Henry: l'elegante gazzella dell'Arsenal --->>> link

 

baudelaire.jpg

Il poeta maledetto Baudelaire --->>> link

 

medicina1.jpg

Pensiamo alla...Salute: i Forum --->>> link

 

films.jpg

Recensioni di molte pellicole cinematografiche --->>> link

 

construction.jpg

Fai un 'Project Work' per un Master o un Corso --->>> link

 

tecnologia-amica.jpg

Presentazione di prodotti tecnologici --->>> link

 

pino_scotto_rocktv.JPG

Tutti i video del guru rocker Pino Scotto --->>> link

 

musica.jpg

Articoli su artisti e gruppi musicali --->>> link

 

belabela.jpg

Le bellezze dello spettacolo: Belen, Folliero e altre --->>> Belen e altre bellezze della tv.

Calendari sexy --->>> I mitici calendari di MAX.

Cerca Nel Blog

MEDIAvertigo...altrove

vertigosublogger.jpg

http://mediayankees.blogspot.com - link

Film-TeleFilm-Partite - link

Archivi

ZANOX 1

Hotel Holidays a 129 Euro invece di 300. Risparmi il 57% (468962)

Sprintrade Network