Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
3 dicembre 2011 6 03 /12 /dicembre /2011 03:21
Repost 0
Published by mediavertigo - in Rimedi
scrivi un commento
24 novembre 2011 4 24 /11 /novembre /2011 20:47

Diete, rimedi naturali, chirurgia, cosa non si farebbe per poter eliminare quei fastidiosi chili di troppo. Spesso si tratta di pochi kg, per altri il problema dell’obesità è invece indice di qualcosa che non va nell’organismo. Dimagrire dunque per molte persone risulta piuttosto difficile, sia perché ci si stanca facilmente nel non vedere i risultati, sia perché molti hanno bisogno di essere seguiti con assiduità. Non c’è da disperare però, arriva direttamente d’oltreoceano una gomma da masticare che aiuterebbe a dimagrire o a mantenere il peso ottenuto. La ricerca è stata eseguita presso la Syracuse University  coordinata dal dottor Robert Doyle e pubblicata sul Journal of Medicinal Chemistry. Il lavoro ha visto diverse fasi, di cui la prima l’imitazione di indagini precedenti sulla gomma da masticare come mezzo veicolante di principi chimici per contrastare problemi come mal d’auto, o anche la dipendenza dalla nicotina. L’attenzione si è poi rivolta sull’ormone Pyy, ingranaggio indispensabile per il meccanismo che regola l’appetito e il dispendio di energia immagazzinata col cibo. Sport e sana alimentazione provocano un abbondante rilascio di Pyy nel sangue che arrivato alla sua destinazione, fa in modo di aumentare il consumo di calorie e quindi provoca un caldo del peso. Nei soggetti più deboli però, affetti da obesità, i livelli di Pyy risultano limitati. Per questo motivo il passo successivo è stato quello di capire come poter trasportare in maniera artificiale il suddetto ormone negli individui obesi, tenendo presente che se viene assunto per via orale, l’ormone viene distrutto all’interno dello stomaco e quindi assorbito con molta difficoltà attraverso l’intestino. Per questo motivo il dottor Doyle si è visto costretto ad utilizzare un suo vecchio studio per cui la vitamina B12 riesce ad agire per l’introduzione dell’insulina nel corpo. Diversi test sono stati dunque eseguiti per mettere alla prova la vitamina e l’ormone Pyy. Positivi i risultati grazie all’ormone che risulta essere in grado di superare i problemi del “viaggio” e mantenere dunque intatta la funzionalità. I ricercatori però sono propensi a compiere un passo successivo, in cui i soggetti obesi sarebbero invogliati a consumare un pasto equilibrato, con annesso il consumo della gomma. L’ormone così facendo diverrebbe attivo per agire sul pasto successivo.

(a cura di Sabrina Spagnoli)

FONTE: http://www.romatg24.it/salute/2011/11/24/3710/dimagrire-chewing-gum/   link

Repost 0
Published by mediavertigo - in Rimedi
scrivi un commento
24 novembre 2011 4 24 /11 /novembre /2011 13:36

Dormirci su, per alleviare il dolore di un'esperienza emotiva particolarmente spiacevole. Tra i numerosi effetti benefici del sonno c'è anche la facoltà di alleviare, in particolare durante la fase REM - quella in cui si sogna - ricordi dolorosi, permettendoci di riviverli in un contesto privo di stress che li rende meno difficili da affrontare.
Ad indicare questa funzione emotiva del sonno paradosso, che riguarda una specifica fase del riposo notturno,  dagli aspetti contrastanti, è una ricerca coordinata dal professor Matthew Walker, dell'università di americana di Berkeley. Che, insieme ai suoi colleghi dell'ateneo californiano, ha osservato come nel sonno REM i circuiti chimici dello stress si spengano e si riesca a cancellare la parte più dolorosa delle esperienze più difficili.
Una scoperta che aiuta anche a comprendere perché chi soffre di disturbo post- traumatico da stress, come i veterani di guerra, abbia più difficoltà a liberarsi da incubi ricorrenti e dal ricordo di esperienze drammatiche.  La fase REM del sonno, una delle più misteriose, occupa circa il 20 per cento del riposo totale di una persona in salute; è caratterizzata da movimenti oculari rapidi e da un'elevata attività cerebrale. E sembra funzionare come una terapia notturna, "una sorta di balsamo che smussa gli aspetti più acuti delle esperienze emotive vissute in precedenza", ha spiegato Walzer, professore associato di psicologia e neuroscienze nell'ateneo californiano, coordinatore dello studio uscito su Current Biology. Chi soffre di disturbo post-traumatico da stress, che, come in altri tipi di disturbi fra cui la depressione, ha un ciclo alterato del sonno, non ne beneficia: in questo caso, i ricordi drammatici, scatenati da eventi diversi, anche banali, vengono rivissuti con la stessa intensità proprio perché manca questa "pulizia notturna" delle esperienze emotive.
Mentre dormiamo - lo facciamo per un terzo della nostra vita - ci troviamo in uno stato unico, in cui il cervello funziona in maniera diversa, alternando stadi di profondo rilassamento ad altri di agitazione. E' un viaggio per molti aspetti ancora oscuro, fondamentale per il nostro benessere e per la salute. Ed è stato osservato che il sonno è fondamentale per consolidare la memoria, per l'apprendimento e per la regolazione dell'umore.

(a cura di alessia manfredi)

FONTE: http://www.repubblica.it/scienze/2011/11/23/news/sonno_rem_aiuta_dimenticare_dolore-25467330/?ref=HRV-7   link

Repost 0
Published by mediavertigo - in Rimedi
scrivi un commento
20 novembre 2011 7 20 /11 /novembre /2011 02:39

oftalmologia.jpgUn test genetico per scoprire se si è predisposti alla degenerazione maculare; il laser a femtosecondi per la chirurgia della cataratta e la chirurgia in 3D tipo Avatar. Sono alcune delle novità presentate nel corso dell'ultimo Congresso della Società Italiana di Oftalmologia. Ce ne parlano gli esperti illustrando anche le ultime ricerche scientifiche in campo visivo, dalla terapia genica al laser che cambia il colore degli occhi.

FONTE: http://www.repubblica.it/salute/interattivi/2011/11/19/news/interattivo_sulla_vista-25223979/   link

Repost 0
Published by mediavertigo - in Rimedi
scrivi un commento
15 novembre 2011 2 15 /11 /novembre /2011 03:42

diabete_brevetto.jpgUn calzino speciale potrebbe salvare migliaia di pazienti diabetici dal trauma dell’amputazione del piede. Il merito è di un brevetto bolognese, un semplice “calzino tecnologico” che sta allungando la vita di molti diabetici evitando soluzioni a volte necessarie come l’amputazione degli arti.
Il dispositivo-calzino denominato Difoprev combatte le complicazioni del diabete o dell’ulcera: rilascia una proteina riparatrice che cicatrizza le ferite su cui il paziente perde sensibilità. E’ un sistema innovativo in grado di ripristinare il fisiologico stato di idratazione della cute e la capacità riparativa superficiale (microfissurazioni, ipercheratosi, ragadi, disidrosi potenziale innesco di infezioni), prevenendone la formazione.
Il Sistema Difoprev è costituito da un calzino elettrostatico caricato con microcapsule contenenti lipidi. Le microcapsule contenenti il principio attivo idratante derivato dal batterio Pseudoalteromonas scoperto solo nel fango dell’Antartico, vengono caricate sulla calza e cedute alla cute attraverso un meccanismo di scambio per tutto il tempo in cui la calza viene indossata.
Difoprev è particolarmente indicata per pazienti anziani, flebopatici, persone affette da diabete mellito e casi di patologie xerotiche della cute
È previsto che il prodotto potrebbe ridurre il rischio di amputazione del piede nel 60 % dei casi. Ogni anno in Italia almeno 5.000 persone con diabete subiscono interventi di chirurgia drastica e debilitante.
Queste sono scatenate da alti livelli di zucchero nel sangue che nel corso del tempo danneggiano le terminazioni nervose, riducendo la sensibilità degli arti. Un altro sintomo del diabete è la cattiva circolazione, innescata da un accumulo di depositi di grasso nelle arterie. Fino ad ora, creme e gel sono stati il trattamento di prima emergenza per mantenere la pelle idratata.
Il prodotto garantisce l’idratazione del piede per 12 ore al giorno. La calza dura tre giorni, ma è dotato di una fornitura di capsule contenenti i suoi ingredienti speciali atte a promuovere l’umidità. Questi sono mescolati con acqua e imbevuti nella calza, che è poi lasciata ad asciugare e poi indossata nuovamente.
Per Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”  il sistema sanitario lo dovrebbe rendere rimborsabile in quanto numerosi test clinici  eseguiti presso ospedali e università hanno dimostrato un drastico miglioramento della cheratosi, il ripristino dell’elasticità cutanea e della integrità superficiale,un forte miglioramento nei parametri TEWL, un miglioramento nel microcircolo cutaneo e tolleranza senza effetti collaterali.

(a cura di Giovanni D'Agata)

FONTE: http://www.bolognanotizie.com/ultimora/2011/11/14/56376/diabete-il-calzino-miracoloso-e-un-brevetto-bolognese/   link

Repost 0
Published by mediavertigo - in Rimedi
scrivi un commento
1 novembre 2011 2 01 /11 /novembre /2011 02:29

proteina_tumori.jpgLa chiave per bloccare la crescita di un tumore nell'organismo, interrompendo il processo di conversione delle cellule normali in cellule neoplastiche, potrebbe essere nei macrofagi, cellule della linea di difesa primaria dell'organismo. I macrofagi, che fanno parte del meccanismo di immunità innata, vengono attirati nel tessuto tumorale e "riprogrammati", con il risultato di venire disarmati delle loro funzioni antitumorali e dirottati a contribuire alla crescita e diffusione delle cellule malate.
Uno studio pubblicato sulla rivista Cancer Research e condotto da David Waisman, professore presso il Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare e Patologia della Dalhousie University, ad Halifax, in Canada, ha individuato il ruolo chiave di una proteina posta sulla superficie del macrofagi, la S100A10, che consente proprio ai macrofagi di spostarsi sul sito della crescita tumorale, processo essenziale per lo sviluppo del tumore.
I ricercatori canadesi hanno battezzato la proteina dei macrofagi 'forbice molecolare' e con questa scoperta hanno rivoluzionato il modo di studiare un tumore: l'attenzione non va posta solo sulle cellule malate ma anche su quelle che le aiutano a crescere e a 'convertire' le cellule sane. "Eravamo soliti pensare che le cellule che contano in un tumore sono quelle malate - afferma il coordinatore della ricerca e prima firma dello studio, David Waisman - ma ora abbiamo visto che altre cellule devono collaborare con le cellule tumorali, guidarne la crescita e consentire un'evoluzione delle cellule normali in cellule metastatiche. Questo cambiamento è ciò che provoca la prognosi infausta e in ultima analisi, è quello che uccide il paziente".
La ricerca, inoltre, ha evidenziato che senza il processo di approvvigionamento, garantito dall'apporto dei macrofagi e dalla loro proteina S100A10, il tumore non cresce. "Questa proteina agisce come un paio di forbici - aggiunge Waisman - che tagliano il tessuto-barriera creato attorno al tumore, consentendo ai macrofagi di entrare nel sito della neoplasia e combinarsi con le cellule malate". Nel laboratorio canadese è stata portata avanti una sperimentazione su topi con tumore ai polmoni ed è stata documentata una "drastica riduzione" della crescita della neoplasia negli animali con deficit della proteina S100A10.
Una scoperta che apre la strada alla ricerca, in primo luogo, delle funzioni di S100A10 e, successivamente, di agenti farmacologici che possano bloccare la sua azione e quella dei macrofagi, così da togliere l'ossigeno al tumore, fermarne la crescita e la diffusione di metastasi. Si tratta di uno studio importante e di un grande passo in avanti, commenta il presidente del Collegio italiano primari ospedalieri di oncologia medica Roberto Labianca, tuttavia, avverte, è necessaria "prudenza e, soprattutto, non vanno date ai malati false illusioni: va infatti detto che dal momento in cui si identifica il potenziale 'bersaglio' al momento in cui si può avere la disponibilità concreta di farmaci mirati sono necessari degli anni".

FONTE:   http://www.repubblica.it/scienze/2011/10/31/news/scoperto_meccanismo_per_bloccare_diffusione_tumore-24207409/   link

Repost 0
Published by mediavertigo - in Rimedi
scrivi un commento
28 ottobre 2011 5 28 /10 /ottobre /2011 02:47

la-gravidanza.jpgDopo avere raggiunto la parità dei sessi, ora le donne attuano il sorpasso “definitivo” nei confronti del maschio, rendendosi autonome nell’unica cosa che, fino ad oggi, non potevano fare: autofecondarsi. Una prospettiva “estrema”, che nel prossimo futuro potrebbe non essere così fantascientifica dopo la scoperta fatta dagli scienziati inglesi dell’università di Newcastle Upon Tyne, che hanno scoperto un modo per trasformare le cellule staminali del midollo osseo femminile in sperma, tagliando di fatto il maschio fuori dal processo di creazione della vita.
La scoperta è pubblicata sul New Scientist e ha ampio risalto su tutti i principali quotidiani inglesi. Il professor Karim Nayernia, che guida l’equipe, è pronto ad iniziare gli esperimenti entro i prossimi due mesi, previo il rilascio delle necessarie autorizzazioni e si dice certo di potere produrre le prime cellule spermatiche femminili entro due anni. Lo sperma maturo, capace di fertilizzare gli ovuli, richiederà invece almeno tre anni di esperimenti.
Una sorta di “primo stadio” dello sperma da cellule di midollo osseo femminile sarebbe già stato prodotto dai ricercatori lavorando sui topi di laboratorio, bombardando le staminali del midollo osseo di vitamine e composti chimici. Secondo gli scienziati la scoperta potrebbe rappresentare una tappa fondamentale nella lotta contro l’infertilità. C’è solo un piccolo particolare che va tenuto presente: i bambini nati in questo modo potrebbero essere esclusivamente di sesso femminile, perchè nella riproduzione non entrerebbe in gioco il cromosoma Y, che è un “copyright” esclusivamente maschile. Cosa che, comunque, potrebbe non importare alle coppie omosessuali, che potrebbero avere in questa “terapia” l’unico modo per ottenere dei figli che siano biologicamente il prodotto di entrambe le persone della coppia.
Ma gli scenari aperti da questa scoperta, anche a livello etico, possono diventare inquietanti: le ricerche potrebbero consentire a una donna di aver un bambino “tutta da sola”, grazie allo sperma prodotto dalle cellule del proprio midollo osseo e ai propri ovuli. E la cosa potrebbe verificarsi anche per un uomo, che potrebbe produrre similarmente le cellule uovo dal proprio midollo osseo. In entrambi i casi si tratterebbe di ipotesi ad lato rischio di anormalità genetiche.

FONTE:   http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/scienza/grubrica.asp?ID_blog=38&ID_articolo=561&ID_sezione=243   link

Repost 0
Published by mediavertigo - in Rimedi
scrivi un commento
16 agosto 2011 2 16 /08 /agosto /2011 18:41

Presentiamo uno strumento tecnologico utile ai diabetici.

L'apparecchio

Il Bayer Ascensia Elite è un glucometro che ha dato la possibilità, a chi è affetto da diabete, di svolgere una vita migliore. Questo glucometro consente, infatti, di adeguare la quantità di insulina alla glicemia effettiva: è il primo glucometro a non riferisi ai reagenti chimici, che potevano subire alterazioni.

L'apparecchio effettuta, su tutto il sangue capillare, l'auto-controllo e il calcolo della glicemia. Per tale determinazione, l'attrezzo usa le strisce reattive a elettrodo sensore numero 3914b Ascensia Elite. La metodologia è stata approvata dalla F.D.A. (Food & Drug Administration) per monitorare i valori di ipoglicemia dei bambini neonati.

I piccoli aghi che servono a pungere il dito e far fuoriuscire minime quantità di sangue sono indolori e sottilissimi. Il visualizzatore (display) è molto leggibile.

L'eccezionale facilità di utilizzo, il metodo a elettrodo sensore, il campionamento automatico del sangue tramite l'aspirazione capillare e l'automatica accensione nell'istante, nel quale si introduce la striscia reattiva, ne fanno un apparecchio che unisce semplicità ed esiti precisi del test. I risultati del test sono basati su un'innovativa tecnologia, appunto l'elettrodo sensore.

Caratteristiche e informazioni per la clientela

Un campione di un piccolo quantitativo di sangue è aspirato per capillarità entro l'estremità reattiva della striscia e, passato mezzo minuto, comparirà sul display quanto glucosio è concentrato in un decimo di goccia di sangue (la piccola quantità aspirata). Non serve affatto, dunque, pulire la striscia, togliere il campione e attendere l'analisi.

Il quantitativo necessario di sangue equivale a due microlitri. Lo strumento è corredato da un'indispensabile penna per pungere il dito.

Nella memoria dell'apparecchio sono registrati venti risultati possibili; l'intervallo di misurazione è compreso tra i valori di 20 e 600 mg/dl. L'Ascensia Elite si alimenta tramite due batterie al litio e le batterie durano il tempo di mille determinazioni. Le dimensioni dell'apparecchio sono: 56x98x15 millimetri. Il suo peso è di quasi 60 grammi e possiede la certificazione CE, in quanto conforme alla direttiva EMC 89/336.

La confezione dell'Ascensia Elite è formata da: apparecchio; striscia di verifica; custodia; 2 batterie al litio di tre volt; pungi-dito microlet con dieci lancette mono-uso totalmente sterili; libretto di istruzioni.

Raffigurazione dell'apparecchio medicale Bayer Ascensia Elite
Repost 0
Published by Flemmy Yankees - in Rimedi
scrivi un commento

Other Articles

boulevardbroken.jpg

Una grande band di punk/pop americano: Green Day --->>> link

 

henry 200

Henry: l'elegante gazzella dell'Arsenal --->>> link

 

baudelaire.jpg

Il poeta maledetto Baudelaire --->>> link

 

medicina1.jpg

Pensiamo alla...Salute: i Forum --->>> link

 

films.jpg

Recensioni di molte pellicole cinematografiche --->>> link

 

construction.jpg

Fai un 'Project Work' per un Master o un Corso --->>> link

 

tecnologia-amica.jpg

Presentazione di prodotti tecnologici --->>> link

 

pino_scotto_rocktv.JPG

Tutti i video del guru rocker Pino Scotto --->>> link

 

musica.jpg

Articoli su artisti e gruppi musicali --->>> link

 

belabela.jpg

Le bellezze dello spettacolo: Belen, Folliero e altre --->>> Belen e altre bellezze della tv.

Calendari sexy --->>> I mitici calendari di MAX.

Cerca Nel Blog

MEDIAvertigo...altrove

vertigosublogger.jpg

http://mediayankees.blogspot.com - link

Film-TeleFilm-Partite - link

Archivi

ZANOX 1

Hotel Holidays a 129 Euro invece di 300. Risparmi il 57% (468962)

Sprintrade Network