Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
19 gennaio 2014 7 19 /01 /gennaio /2014 23:59

La sezione "segreta" di Big G, ovvero Google X, divisione addetta ad occuparsi di creare tutti i prototipi di nuove tecnologie, torna a far parlare di sè per una nuova iniziativa, questa volta però più "normale". Anche se il nome, Smart Contact Lens Project, potrebbe infatti suggerire un'ulteriore miniaturizzazione dei futuribili occhiali Google Glass, il device ha un'applicazione molto più semplice e concreta. E' stato elaborato per permettere a chi soffre di diabete di monitorare il proprio livello di glucosio nel sangue in una maniera molto meno invasiva e altrettanto affidabile di quella attuale.

smartglass.jpg

I diabetici hanno bisogno di mantenere costantemente i propri livelli di glucosio entro un certo range, perché un eccesso o una carenza di questo zucchero nel sangue comporta ugualmente problemi. E' dunque indispensabile misurare varie volte al giorno i suoi livelli. Il modo più semplice al momento è quello di dotarsi di un piccolo monitor portatile che analizza il proprio sangue, effettuando una puntura sui polpastrelli per prelevare una goccia di sangue.

contact-lens.jpg

Con Google Smart Contact Lens Project invece tutto questo potrebbe non servire più. All'interno della lente infatti c'è un sensore davvero microscopico, integrato in due strati di normale materiale impiegato per realizzare le attuali lenti a contatto morbide e in grado di effettuare le proprie rilevazioni analizzando le secrezioni lacrimali. I dati raccolti saranno poi trasmessi mediante un altro chip WiFi, anch'esso minuscolo e affiancato al primo...(CONTINUA)

 

fonte: http://notebookitalia.it/google-lenti-a-contatto-smart-diabetici-18892

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento
14 giugno 2012 4 14 /06 /giugno /2012 15:19

AttualeMappa_468x60

Ecco un accordo che apre altri orizzonti: TomTom comunica che fornirà a Apple "mappe e informazioni collegate". Lo annuncia tramite unbreve messaggio senza ulteriori particolari. E' un salto in avanti e una boccata di ossigeno. Secondo la società olandese di analisi Sns securities, avrà come fonti di fatturato una quota degli incassi derivanti dalla pubblicità. Soprattutto, troverà altri terreni di espansione. Ieri, Apple ha mostrato il nuovo sistema operativo per dispositivi mobili, di nome ''iOS6'', e l'applicazione "Maps": essa avrà accesso a informazioni '' live '' sul traffico e alla navigazione "turn by turn" per seguire percorsi e itinerari. Sono evoluzioni integrate con gli aggiornamenti di Siri, il sistema per comandi vocali che abiliterà il lancio di applicazioni a voce e sarà anche in italiano.

tomtm_apple_maps.jpg

Gli accordi con alcune case automobilistiche svelati nel corso della Worldwide Developers Conference prevedono che potrà essere introdotto un bottone sul volante per interagire con Siri. L'alleanza fra Apple e TomTom ridisegna i confini tra le piattaforme di mappe digitali. E non solo. Nokia fornirà al motore di ricerca di Bing i dati di traffico in tempo reale: è inoltre il pilastro delle cartine online di Yahoo e ha varato una partnership strategica con Microsoft per Windows Phone. Il terzo grande ecosistema, Google, può contare sul suo sistema operativo Android e ha premuto sull'acceleratore per costruire mappe 3D...( CONTINUA)

fonte: http://www.motori24.ilsole24ore.com/Tecnologia/2012/06/accordo-tra-Apple-TomTom-per-mappe.php

Disconto_468x60

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento
12 giugno 2012 2 12 /06 /giugno /2012 11:35

E' bello prendere il sole in costume sul terrazzo della vostra casa all'ultimo piano? Beh, prestate attenzione agli aerei che passano. Tra di loro potrebbe essercene uno che fa parte della flottiglia di aerei spia ingaggiati da Apple per il nuovo servizio di mappe on-line tridimensionali. Velivoli equipaggiati con fotocamere di livello militare, in grado, secondo quanto riportato dal Telegraph e da altri organi di stampa, di visualizzare con nitidezza anche persone intraviste attraverso persiane o finestre. Tutta un'altra cosa rispetto alle immagini un po' sfocate e a bassa risoluzione provienenti dai satelliti e già oggi incorporate in vari prodotti. 

mappe_aeree_apple.jpg

Il servizio sarebbe già stato sperimentato in una ventina di città di tutto il mondo, e avrebbe preso il via dopo l'acquisizione, da parte di Cupertino, dell'azienda svedese C3 Technologies, specializzata in mappe in tre dimensioni. Mancano conferme ufficiali da parte della Mela ma la notizia è verosimile, anche considerato che la rivale Google sta lavorando da tempo a qualcosa del genere e per la fine del 2012 dovrebbe aver realizzato una serie di ricostruzioni aeree di alcune grandi metropoli che nel complesso ospitano una popolazione di 300 milioni di persone. Recentemente, il colosso di Mountain View ha mostrato ai giornalisti una prima mappa in tre dimensioni di San Francisco, grazie a cui l'utente può sorvolare la città provando l'illusione di trovarsi a bordo di un aviogetto...(CONTINUA)

( a cura di federico guerrini da lastampa.it )

fonte: http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/tecnologia/grubrica.asp?ID_blog=30&ID_articolo=10524&ID_sezione=38

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento
11 giugno 2012 1 11 /06 /giugno /2012 17:13

Il colosso di Mountain View si prepara ad entrare ufficialmente nel mondo dei produttori di tablet con il suo primo prototipo che, secondo alcune indiscrezioni, dovrebbe sbarcare sul mercato entro la fine di Giugno 2012. A comunicare la notizia è stato un rappresentante di ASUS, intervenuto nel corso del Computex di Taipei, società che assemblerà i tablet per conto di Google. Inoltre, sembra che la compagnia presenterà la sua nuova creatura durante il Google I/O, evento dedicato agli sviluppatori che si terrà presso il Moscone Center di San Francisco (USA).

tablet_google_asus.jpg

Il portavoce di ASUS non ha voluto rendere pubblici altri dettagli anche se ha confermato con sicurezza come il primo tablet Google sarà presto una realtà: secondo molti, ospiterà un processore quad core NVIDA Tegra 3, e molto probabilmente avrà un display da sette pollici (''), per un prezzo totale compreso tra 150 e 250 dol$lari. Il 27 Giugno 2012, quando si aprirà ufficialmente la convention di Google a San Francisco, il pubblico che da mesi attende il primo device firmato dalla compagnia potrà ottenere le conferme ai tantissimi 'rumors' che si sono susseguite in questi mesi, e molto probabilmente conoscerà tutte le specifiche tecniche su questo nuovo tablet.

( a cura di lorenzo ferracino di techeconomy )

fonte: http://www.techeconomy.it/2012/06/11/da-asus-arrivano-conferme-sul-primo-tablet-di-google/

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento
8 giugno 2012 5 08 /06 /giugno /2012 14:41

Gli inventori del celebre Napster, ovvero Shawn Fanning e Sean Parker, che con quel sito innovativo hanno cambiato radicalmente e profondamente l'industria discografica mondiale, ci riprovano: attraverso una festa newyorkese è stata lanciata ufficialmente '' AirTime '', un'applicazione di Facebook che consente la video-chat con i propri contatti ma anche con persone sconosciute che condividono gli stessi interessi.  Il principio che sta alla base di AirTme richiama applicazioni e siti come Chat-Roulette, le quali permettono di chattare con sconosciuti presi a caso tra gli utenti del programma. 

airtime_napster.jpg

Nella versione di Parker a guidare la scelta non è però la fortuna, ma l'analisi del profilo Facebook dell'utilizzatore, che può scegliere di incontrare qualcuno che condivida il luogo di origine, gli interessi, o che sia connesso a qualche amico, con dei filtri opportuni ancora allo studio per evitare usi impropri da parte di malintenzionati: "Airtime è un servizio che fa di tutto per aiutare l'utilizzatore a trovare persone che potrebbe voler conoscere - ha spiegato Fanning - ma con cui non entrerebbe mai in contatto nel mondo reale". Il panorama in cui arriva Airtime è piuttosto affollato, di videochat è pieno il Web. Ma la particolare attenzione agli algoritmi di "pulizia" potrebbe fare la differenza: Airtime riconosce i volti ed è in grado di distinguere se la webcam inquadra un volto o altro, e in casi specifici impedire la diffusione di contenuti. Niente immagini esplicite quindi...(CONTINUA)

fonte: http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/06/06/news/airtime_chat_casuale_per_facebook_la_startup_degli_inventori_di_napster-36651609/

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento
8 giugno 2012 5 08 /06 /giugno /2012 14:29

La cyberguerra giunge sul pc di casa: non solo dunque le potenti Fbi e Cia. Il nemico ci spia nel computer: si introduce nelle e-mail, si aggrappa ai siti web che visitismo, si aggancia alle applicazioni che apriamo. Vuole impossessarsi del nostro computer per convertirlo in una micidiale macchina da guerra telematica. Più pericoloso di un hacker, più insidioso di una spam. E' il nemico, appunto, al pari di uno stato straniero: i nuovi stati-canaglia del web, la solita Cina, il solito Iran, i soliti sospetti della cyber-guerra. Quando, naturalmente, non sono gli Stati Uniti di Barack Obama a mandare inavvertitamente in giro per il mondo un virus che era destinato a mandare in tilt le centrali atomiche di Teheran... Cosa fare? La fantascienza che diventa realtà spinge il colosso della Rete a una mossa da fantascienza: da oggi Google ci dirà anche se una potenza straniera tenta di forzare il computer di casa. E' il primo servizio al mondo di cyber-allarme via Internet. 

google_crime.jpg

"Attenzione", avverte una barra rosa che si accenderà sul nostro computer, "sospettiamo che attacchi sostenuti da uno stato stiano cercando di compromettere il vostro account o il vostro computer". Proprio così: Google non solo sa che gli hacker stanno cercando di impossessarsi della nostra cybervita - sa anche che dietro quegli hacker ci sono gli stati canaglia. It's possible? Il progetto è stato comunicato tramite il blog di Google da Eric Grosse, il vicepresidente responsabile della sicurezza. "Se vedete questo allarme non significa necessariamente che il vostro account sia stato già attaccato", spiega il superingegnere. "Vuol dire che sospettiamo che potreste essere il bersaglio anche di un'operazione di phishing o di un virus: e per questo dovreste fare subito qualcosa per rendere sicuro il vostro account". Ma come fa Google a sapere che il virus o il phishing, cioè l'amo virtuale lanciato con un'email magari accattivante, sono stati lanciati da hackers al servizio di stati spioni? "Non possiamo entrare nei dettagli senza svelare informazioni che potrebbero essere utili a questi furfanti", spiega sempre Grosse, "ma le nostre analisi dettagliate - così come i racconti di alcune vittime - indicano fortemente il coinvolgimento di stati o gruppi che fanno capo a stati stranieri"...(CONTINUA)

( a cura di angelo aquaro da ' la repubblica ' )

FONTE: http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/06/07/news/la_cyberguerra_sul_pc_e_l_allarme_di_google-36683830/

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento
7 giugno 2012 4 07 /06 /giugno /2012 18:13

Possiamo immaginarla come la risposta di Google all'ultimo comunicato della rivale Apple, ovvero quello riguardante la decisione di abbandondare l'app di ''Google Maps'' sul sistema operativo della ''Mela'', cioè iOS. Il colosso di Mountain View ha infatti annunciato di voler progettare un'evoluzione del servizio, che comprenderà dettagliate mappe tridimensionali particolarmente accurate. Per creare le mappe tridimensionali, Google scatterà immagini con aerei equipaggiati di apposite fotocamere e le elaborerà utilizzando una metodologia definita stereo-fotogrammetria, realizzando in tal maniera le ricostruzioni in 3D degli edifici e degli elementi del panorama. Tali immagini 3D fotorealistiche saranno disponibili per le app mobili, sia in versione Android che in versione iOS. Quali saranno i dispositivi compatibili con questa funzione resta tuttavia ancora da vedere. 

mappe_google_3d.jpg

Sempre per ciò che è inerente i dispositivi mobili (anche se inizialmente limitatamente ad Android, dalla versione 2.2 in poi), Google sta lavorando a un'altra importante novità: ovvero l'opportunità di scaricare le mappe e consultarle offline. In realtà, un tentativo in questo senso era già stato fatto, ma il raggio delle mappe scaricabili era limitato; invece, tramite la prossima versione di Google Maps sarà invece possibile scaricare le mappe di intere regioni e utilizzarle senza doversi connettere alla Rete. Resteranno disponibili offline anche tutte le funzioni di orientamento e lo zoom ai massimi livelli; la connessione sarà invece sempre indispensabile per calcolare i tragitti.

fonte: http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=17715

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento
6 giugno 2012 3 06 /06 /giugno /2012 15:25

Internet non è una rete infinita: il numero di indirizzi web che si possono creare è limitato. Quando nell'ormai lontano 1981 venne rilasciato il protocollo IPv4, nessuno si sarebbe immaginato che già dopo una ventina d'anni il Web avrebbe superato i quattro miliardi di indirizzi web teorizzati all'epoca. Per evitare i rischi di sovraccarico, dunque, lo scorso anno, è stato presentato e testato per 24 ore il protocollo IPv6, che oggi entra ufficialmente in azione salvando internet da un 'blocco' inevitabile. Rispetto ai 4,3 miliardi di indirizzi gestibili dall'IPv4, il nuovo protocollo che è stato già adottato da Facebook, Microsoft e Google, tanto per citare i giganti di internet, potrà raggiungere cifre difficilmente immaginabili oggi, ma anche in futuro, perché eleva il numero 2 alla 128esima, e quindi tocca numeri quantificabili nell'ordine di miliardi di miliardi.

ipv6.jpg

In questi ultimi anni, a determinare il sovraccarico del Web sono stati alcuni fenomeni che hanno conosciuto crescite considerevoli. Primo su tutti quello degli smartphone, i quali attraverso la navigazione su internet spesso 'always on' coprono una parte importante degli indirizzi IP attribuiti sul web. Al contempo, si è creato un traffico anche di quei dispositivi che non sono propriamente smartphone, ma che si aggiungono grazie al principio di 'internet of things', cioè di 'internet delle cose': eBook reader, tablet, console di gioco, ma anche apparecchiature domotiche come frigoriferi o televisori connessi...(CONTINUA)

fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/News/CyberNews/Internet-da-il-benvenuto-allIPv6-il-protocollo-che-ci-salvera-dal-sovraccarico_313378641856.html

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento
6 giugno 2012 3 06 /06 /giugno /2012 15:18

L'app di navigazione di Google sarà sostituita sui prodotti Apple da una app proprietaria. La comunicazione, forse, arriverà già la prossima settimana; Apple dunque va per la sua strada. Da sola. Tanto che, nei prossimi iPhone e iPad, licenzierà l'applicazione di Google Maps e la sostituirà con un nuovo servizio, creato internamente, entro la fine del 2012. A svelare la novità è il giornale ''Usa Wall Street Journal'' il quale, citando le fonti interne di Cupertino, dice che la prossima app di navigazione di i-Phone e i-Pad ''adopererà una tecnologia proprietaria di Apple" che potrebbe essere presentata al pubblico già la prossima settimana, nel corso del Worldwide Developers Conference di San Francisco, il tradizionale appuntamento della società con il mondo degli sviluppatori. 

mappe_apple.jpg

L'abbandono di Google Maps risulta come l'ultimo atto del lungo divorzio in corso fra i due giganti della tecnologia. Che pure, all'epoca del lancio del primo iPhone, nel 2007, erano strette alleate: Eric Schmidt, l'ex Ceo di Google, sedeva addirittura nel board di Apple. L'idillio, però, non è durato a lungo. Con il lancio di Android, e la trasformazione di Google in rivale diretto nel settore degli smartphone, le società si sono allontanate pian piano: Schmidt si è dimesso dal board nel 2009, e Steve Jobs e i suoi successori hanno iniziato a esprimersi in maniera sempre più critica nei confronti degli smartphone potenziati dal sistema operativo del motore di ricerca. Un malanimo culminato nello scandalo privacy di quest'anno, quando si è scoperto che Google raccoglieva illegittimamente i dati degli utenti del browser Apple. Ma non c'è solo un'accesa rivalità commerciale alla base delle dismissioni di Google Maps. Come in ogni divorzio che si rispetti, in ballo c'è di più. Innanzitutto la preoccupazione da parte di Apple di essere coinvolta nella poco chiara gestione della privacy di Google Maps...(CONTINUA)

fonte: http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/06/05/news/apple_licenzia_google_mappe-36596794/

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento
5 giugno 2012 2 05 /06 /giugno /2012 18:42

Approvato un nuovo standard per le Sim card. A comunicarlo è stato l’ETSI, che sta per European Telecommunications Standards Institute, che dopo le micro-Sim introduce il formato Nano-Sim, tecnicamente denominato 4FF, più piccolo del 40 per cento rispetto alle micro-Sim: misura 12,2 per 8,7 mm, e con spessore pari a 0,66 mm. Un'approvazione controversa, dopo mesi di lotte tra due fazioni di produttori hardware, rappresentate da Apple e Nokia da una parte, Blackberry e Motorola dall'altra. Il nuovo standard per le Sim sembrano molto simili a quanto proposto da Apple, nello scontro dunque l'avrebbe spuntata il colosso di Cupertino. Le Nano-sim saranno vendute con adattatori per farle funzionare in ogni tipo di telefonino cellulare.

nanosimcard.jpg

Nokia, tra tutti, si era battuta nel modo più feroce contro questo standard, arrivando due mesi fa a dichiarare che, se fosse passato il progetto nano-sim di Cupertino, si sarebbe rifiutata di concedere in licenza i propri brevetti in favore dell'eventuale nuovo standard: “Crediamo che Apple stia approfittando del processo di standardizzazione, cercando di imporre la sua soluzione proprietaria tramite il sigillo dell'ETSI, piuttosto che seguendo principi e pratiche condivisi”. Una posizione che per le altre parti in causa è stata meno radicale: Motorola ha criticato il design dell'azienda di Tim Cook, ma alla fine i giganti hanno collaborato perché le opzioni si venissero incontro il più possibile, tanto che le proposte al momento della scelta dell'ETSI erano quasi identiche. Nel frattempo, la Nokia ha parzialmente rivisto le sue dichiarazioni di marzo. Ma resta vero che, avendolo creato a casa propria, nel primo periodo Apple sarà l'unico produttore a poter adottare il nuovo standard, e come da tradizione è probabile che lo ospiterà solo su uno o due prodotti per l'anno a venire: insomma finché gli avversari non si metteranno in pari, chi comprerà un nuovo iPhone o iPad dovrà munirsi di un adattatore nel momento in cui volesse passare a un dispositivo a micro-sim.

Repost 0
Published by mediavertigo - in Software e Hardware
scrivi un commento

Other Articles

boulevardbroken.jpg

Una grande band di punk/pop americano: Green Day --->>> link

 

henry 200

Henry: l'elegante gazzella dell'Arsenal --->>> link

 

baudelaire.jpg

Il poeta maledetto Baudelaire --->>> link

 

medicina1.jpg

Pensiamo alla...Salute: i Forum --->>> link

 

films.jpg

Recensioni di molte pellicole cinematografiche --->>> link

 

construction.jpg

Fai un 'Project Work' per un Master o un Corso --->>> link

 

tecnologia-amica.jpg

Presentazione di prodotti tecnologici --->>> link

 

pino_scotto_rocktv.JPG

Tutti i video del guru rocker Pino Scotto --->>> link

 

musica.jpg

Articoli su artisti e gruppi musicali --->>> link

 

belabela.jpg

Le bellezze dello spettacolo: Belen, Folliero e altre --->>> Belen e altre bellezze della tv.

Calendari sexy --->>> I mitici calendari di MAX.

Cerca Nel Blog

MEDIAvertigo...altrove

vertigosublogger.jpg

http://mediayankees.blogspot.com - link

Film-TeleFilm-Partite - link

Archivi

ZANOX 1

Hotel Holidays a 129 Euro invece di 300. Risparmi il 57% (468962)

Sprintrade Network