Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 ottobre 2012 1 15 /10 /ottobre /2012 21:50

La celebre Tobin Tax è ormai pronta per fare il suo approdo, forse già dal 2013. La news giunge dall’Ecofin di martedì in Lussemburgo. E’ stato Algirdas Semeta, commissario dell'Unione Europea, a comunicare il via libera di Italia, Spagna e Slovacchia che si aggiungerà al parere positivo già comunicato da otto Paesi quali Francia, Germania, Austria, Portogallo, Slovenia, Belgio, Grecia ed Estonia. Il totale dei Paesi a favore della tassa sulle transazioni finanziarie sale, quindi, a quota 11, il numero sufficiente per avviare l’iter di approvazione del provvedimento tramite la cooperazione rafforzata.

tobin.jpg

Se ne discute ormai da tempo, ma di che si tratta? La tassa sulle transazioni finanziarie è stata ideata nel 1972 dall’economista James Tobin, premio Nobel, in passato professore del nostro Mario Monti a Yale. L’economista aveva immaginato l’applicazione di un’aliquota tra lo 0,1% e l’1% sulle transazioni in valuta straniera con il triplice obiettivo di frenare la speculazione, stabilizzare i mercati e raccogliere nuove risorse utili per fini globali. La prima ipotesi in sede Ue è arrivata alla fine di settembre, quando la Commissione europea ha presentato una proposta di introduzione della Tobin tax a partire dal 2014, indicando che l’eventualità porterebbe nelle casse europee circa 55 miliardi di aero l’anno. Secondo quello che era l’impostazione originaria, applicando a livello globale un’aliquota dello 0,1% la tasse garantirebbe introiti medi annui di 166 miliardi di dollari.

Gli eventuali vantaggi della Tobin tax porterebbero, il condizionale è d’obbligo usarlo, nuove risorse spendibili per porre un freno alla crescita dei debiti sovrani di Eurolandia che in nazioni come l’Italia significa alti tassi sul debito, difficoltà di finanziarsi con la conseguente stretta al credito delle banche che non riescono più a sostenere le imprese, destinate a perdere competitività a favore di quelle aziende che operano in Paesi con economie più solide, come Germania, Regno Unito, Svezia e via dicendo. Il rischio principale, invece, riguarda la fuga di capitali. L’imposta, infatti, è molto criticata da chi è convinto che finirà con l’incentivare la delocalizzazione delle attività finanziarie, con la fuga di investitori internazionali dall’Eurozona. Un’eccessiva pressione fiscale, è facile immaginarlo, sposterebbe chi ha del denaro da spendere verso scenari più appetibili dal punto di vista economico. 

taxtobin.jpg

Ad ogni modo, il governo italiano ha sciolto la sua riserva, dicendosi disponibile alla cooperazione rafforzata (il sistema che, di fatto, consentirebbe all’imposta di essere introdotta in assenza di un consenso unanime da parte dei Paesi membri). “Una decisione non facile e maturata negli ultimi giorni”, è il commento dell’ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci, rappresentante italiano all’Ue. Resta anche da chiedersi se il via libera italiano possa essere dunque il preludio a una modifica in futuro del sistema Esm. Nel corso del super vertice del 28-29 giugno scorso, Monti e Rajoy erano d’accordo sul porre il veto sulla Tobin tax se la Germania non avesse offerto adeguate aperture sul fronte delle strategie salva Stati, magari auspicando un’attivazione automatica.

La possibilità della nuova imposta europea non convince del tutto Giovanni Caldara, segretario generale dell’Associazione degli intermediari italiani mobiliari (Assosim): “La Tobin tax non è funzionale alla raccolta di nuove risorse per l’Erario. Inoltre, rimangono esenti da qualsiasi tassazione coloro che lucrano, ovvero gli speculatori, i day-trader”. E auspica l’apertura di un tavolo di lavoro “volto ad individuare gli obiettivi per realizzare uno strumento che sia efficace ed idoneo”.

tobintax.jpg

Lo stato dell’iter burocratico della nuova proposta vede la Commissione europea attendere, fino alla metà di ottobre, le lettere formali di quattro degli 11 Paesi che parteciperanno alla cooperazione forzata (Italia, Spagna, Slovacchia ed Estonia), per poi presentare la sua valutazione giuridica sulla fattibilità dell’iniziativa. E già con l’Ecofin di novembre la proposta rivista potrebbe essere varata. Fermamente contraria Londra che di Tobin tax non ne vuole sentire parlare. Nel febbraio di quest’anno, un rapporto Ernst&Young ha stimato che una tassa sulle transazioni applicata anche alla sola area euro, escludendo quindi il Regno Unito, costerebbe la bellezza di 22 miliardi di euro alle società della City. Oltre alla Gran Bretagna, sono contro l’introduzione anche Malta, Irlanda, Olanda e Svezia.

fonte: http://it.finance.yahoo.com/notizie/tobin-tax-2013.html

Condividi post

Repost 0
Published by mediavertigo - in E-commerce
scrivi un commento

commenti

Other Articles

boulevardbroken.jpg

Una grande band di punk/pop americano: Green Day --->>> link

 

henry 200

Henry: l'elegante gazzella dell'Arsenal --->>> link

 

baudelaire.jpg

Il poeta maledetto Baudelaire --->>> link

 

medicina1.jpg

Pensiamo alla...Salute: i Forum --->>> link

 

films.jpg

Recensioni di molte pellicole cinematografiche --->>> link

 

construction.jpg

Fai un 'Project Work' per un Master o un Corso --->>> link

 

tecnologia-amica.jpg

Presentazione di prodotti tecnologici --->>> link

 

pino_scotto_rocktv.JPG

Tutti i video del guru rocker Pino Scotto --->>> link

 

musica.jpg

Articoli su artisti e gruppi musicali --->>> link

 

belabela.jpg

Le bellezze dello spettacolo: Belen, Folliero e altre --->>> Belen e altre bellezze della tv.

Calendari sexy --->>> I mitici calendari di MAX.

Cerca Nel Blog

MEDIAvertigo...altrove

vertigosublogger.jpg

http://mediayankees.blogspot.com - link

Film-TeleFilm-Partite - link

Archivi

ZANOX 1

Hotel Holidays a 129 Euro invece di 300. Risparmi il 57% (468962)

Sprintrade Network